Succo di Aloe Vera

L’aloe vera è una pianta conosciuta fin dall’antichità per le sue incredibili potenzialità. Ha un effetto benefico sulla salute a 360 gradi e può risolvere problemi come scottature, ferite, migliorando la guarigione dei tessuti, e punture d’insetti. A livello interno gli effetti sono ancora maggiori: è un toccasana per la digestione, riduce i dolori, migliora la circolazione, disintossica il corpo e ne favorisce il dimagrimento oltre a rafforzarne il sistema immunitario senza dimenticare l’importante funzione di regolazione degli zuccheri nel sangue.

 

Come si assume il succo di questa pianta?
Per prima cosa è importante che abbia almeno tre anni di crescita. Il procedimento consiste nell’incidere le foglie sui bordi ed eliminare lo strato superficiale in modo da portare alla luce il gel contenuto. È necessario far drenare il liquido di colore giallo che fuoriesce in quanto ha un forte effetto lassativo. Successivamente con l’aiuto di un cucchiaino è possibile estrarre il gel dalla foglia, frullarlo per una migliore assunzione e fluidità, e conservarlo in un vasetto in frigorifero facendo attenzione che non cambi di colore. In caso contrario caso non sarà più utilizzabile.
Le dosi giornaliere consigliate, che possiamo trovare anche indicate confezioni acquistabili, si aggirano intorno ai 40/60 ml suddivisi nel corso della giornata.

Se non si volesse procedere come sopra indicato, perché non si ha a disposizione una pianta d’aloe o per altri motivi, ci si può sempre recare presso un supermercato, farmacia, erboristeria o in un negozio di prodotti biologici per acquistare una comoda e pratica confezione contenente questo prezioso gel.
Non dimentichiamo che esistono delle controindicazioni in merito all’assunzione di questo succo, è infatti sconsigliato l’utilizzo in gravidanza e l’allattamento o durante l’assunzione di medicinali ed è utile in questo caso consultare un medico oppure si possono presentare attacchi di diarrea e crampi intestinali ed anche in questa situazione rimandiamo al consiglio di consultare uno specialista interrompendo il trattamento.

Condividi l'articolo